Caso Ong – Zuccaro: Scontro tra Alfano e Orlando

Si divide il Governo per il caso di alcune Organizzazioni non Governative e i loro presunti rapporti con i trafficanti libici e vede coinvolti il Ministro degli Esteri, Angelino Alfano e il Ministro della Giustizia, Andrea Orlando.

Il Ministro degli Esteri appoggia in piano le dichiarazioni del Procuratore Zuccaro:

“Io do cento per cento di ragione al procuratore Zuccaro, perché ha posto una questione vera.Tutti coloro i quali devono sapere sanno che questo rischio c’è –ha aggiunto Alfano– Ha il cento per cento di ragione lui. Sono degli ipocriti e dei sepolcri un po’ imbiancati tutti quelli che si indignano a comando. Cioè, se i magistrati dicono delle cose che a loro piacciono, allora i magistrati possono parlare; se dicono cose che a loro non piacciono, i magistrati devono stare zitti”.

Ad Alfano però ieri ha risposto, in maniera piuttosto piccata il Ministro della Giustizia:

Se è convinto che il procuratore abbia ragione, c’è da chiedersi perchè non si sia accorto del problema quando faceva il Ministro degli Interni”.

Palazzo Chigi sembra piuttosto infastidita dallo scontro politico in atto e a ribadire la linea del Governo è intervenuto il Premier Gentiloni:

“Ci sono traffici? La magistratura indagherà. Ci sono volontari che lavorano per salvare vite umane? Benvenuti”, continua Gentiloni, che poi sottolinea come “dobbiamo essere grati per il lavoro che fanno le organizzazioni dei volontari nel Mediterraneo e in tanti altri settori: senza il lavoro del volontariato l’Italia sarebbe più povera”

 

 

Commenti

commenti