News, Informazione, Politica

Caserta – Il maggio dei libri si trasforma in una “ FestBook ”

Dal 25 al 28 maggio arriva a Caserta il “ FestBook ”: la festa della creatività, dei libri e della follia. 45 eventi in 4 giorni.

Tutti gli amanti dei libri e della cultura a raccolta: dal 25 al 28 maggio arriva a Caserta il FestBook. Una vera e propria “festa della creatività, dei libri e della follia” sparsa in diversi luoghi della città. Per quattro giorni all’insegna della letteratura, della cultura e anche del divertimento.

Un evento che approda per la prima volta a Caserta, e che ha adottato per quest’occasione una formula inedita. I 45 eventi organizzati si terranno infatti fra le strade e nelle piazze di Caserta. Circa 4mila persone coinvolte, chiamate a recitare poesie, reinterpretandole anche con modi d’espressione innovativi e creativi. Il tema centrale di tutte le poesie l’amore. Solo l’amore, ma in ogni sua forma e declinazione.

Un evento letterario di notevole importanza e interesse, come riconosciuto da Rosanna Cioffi, prorettore dell’Ateneo “Luigi Vanvitelli”. “Si tratta di una iniziativa di grande valore per il Casertano e l’Italia – ha detto ­–  che mette in risalto la capacità di fare rete di un territorio e di fare cultura partendo dal basso”.

Cosa significa “fare cultura partendo dal basso”, lo ha spiegato il coordinatore di FestBook, Luigi Ferraiuolo dell’Ucsi Caserta. “Dovunque in Italia si fa cultura partendo da soggetti istituzionali, che investono e costruiscono progetti, ma a Caserta abbiamo cominciato dal basso: i soggetti che fanno cultura per vocazione si sono messi insieme e creano innovazione e dibattito partendo dalle persone del territorio: artisti, studenti, intellettuali, persone semplici, a costo zero”.

L’iniziativa è promossa, infatti, dall’Università “Luigi Vanvitelli”, dall’Ucsi Caserta, Società Dante Alighieri, insieme con il Comune di Caserta, che hanno coinvolto molti istituti scolastici e librerie e diverse associazioni di Caserta.

Come ogni festival, anche il FestBook ha un proprio “simbolo”. Gli organizzatori hanno deciso di scegliere un artista, quale simbolo legato al territorio. Per questo la scelta è stata il pittore casertano Antonio De Core, morto 20 anni fa. Un quadro dell’amato artista casertano della serie “La Reggia” sarà esposto per tutta la durata del festival nella Cattedrale medievale di Casertavecchia.

La manifestazione è ricca di eventi e idee innovative.
Si comincia con due anteprime. La prima, il 13 maggio alla Libreria Feltrinelli di Corso Trieste, con la presentazione del libro “Di un Ulisse, di una Penelope”, della scrittrice Marilena Lucente. La seconda, il 24 maggio alla libreria Pacifico, con un dibattito filosofico-musicale-amoroso sul “ludus mundi”, il gioco del mondo. Prenderanno parte al dibattito Lucio Saviani, Aldo Masullo, Nicola Magliuolo, Giancristiano Desiderio, il vescovo emerito di Caserta Raffaele Nogaro, e Pasquale Panella, paroliere di Battisti e Cocciante.

Tre i laboratori
organizzati, che si terranno ogni giorno dal 25 al 27 maggio dalle 16 alle 19: #Giocaitaliano, per imparare l’italiano divertendosi (dalle 16 alle 17); @danteide, un viaggio alla scoperta dei segreti di Dante (dalle 17 alle 18, nelle aule dell’ateneo Luigi Vanvitelli, ex palazzo delle Poste, nei pressi della Reggia); @leggerelArte, con la guida di alcuni massimi esperti nel loro periodo storico-artistico (dalle 18 alle 19, nella galleria di arte contemporanea di Caserta, nel centro Sant’Agostino).

Tra le iniziative più interessanti le #pattugliepoetiche. Quattro pattuglie composte da giovani attori, che in giro ogni giorno dalle 18.30 animeranno Caserta, interpretando i classici della poesia sul tema dell’Amore. Non sono escluse incursioni a sorpresa nei luoghi noti e meno di Caserta.

Diversi gli eventi a sorpresa, come flash mob e sit, legati ai monumenti del Casertano. Infine non mancheranno nelle librerie di Caserta eventi e presentazioni di libri.

Per iscriversi ai laboratori e per tutte le altre informazioni, consultare il sito www.festbook.it o la pagina facebook festbook o scrivere a festbookcaserta@gmail.com.

Commenti

commenti