Di Maio a 8 e Mezzo: “Il centrodestra non esiste”. Poi lancia l’Ultimatum a Salvini

Ospite questa sera a 8 e mezzo, trasmissione condotta da Lily Gruber, c’è il leader del Movimento 5 stelle Luigi Di Maio, che in piena fase di consultazioni all’indomani del risultato elettorale, presenta un ultimatum a Matteo Salvini.

Parte con le domande, come sempre pungenti, Lily Gruber che chiede al candidato premier:

  • Se berlusconi non avesse fatto lo show alle consultazioni, lei si sarebbe comportato diversamente nella fase successiva?

“Non credo perché Berlusconi ha solo confermato quello che abbiamo sempre detto: Il centrodestra non esiste.  Nessun italiano ha votato centrodestra. Hanno votato Slavini, Berlusconi e Meloni.”

Poi su incalza su Matteo Salvini, intimandolo apertamente a sbrigarsi a prendere una decisione. Per Di Maio la “politica dei due forni” è andata avanti troppo a lungo, infatti accusa:

“Salvini si sta assumendo una responsabilità storica: Rimanendo legato a berlusconi si pone come unico limite al cambiamento del paeseNoi aspettiamo qualche altro giorno ma poi uno dei due forni si chiude, non è che stiamo qui a fare i comodi di chi fa campagna elettorale sulla pelle degli italiani.”

L’intervista poi continua con le domande della giornalista al leader dei 5 stelle. Tra le più interessanti ed incisive riportiamo:

  • Perchè pensa di spezzare il centrodestra ?

“Io non ho mai voluto dividere qualcosa che non esiste”

 

  • Rinuncerebbe alla sua candidatura a premier?

“Gli italiani hanno espresso 11 milioni di voto per la mia candidatura a premier, fare altrimenti sarebbe tradire questa volontà”

  • Martina dice che in 43 giorni nessuno di voi ha chiamato al PD, perchè?

“La mia intenzione non è spaccare le forze politiche, sto aspettando le evoluzioni interne per capire se ci sono i presupposti”. 

  • Il suo veto è su Forza Italia e su Berlusconi, su Renzi no? 

“La differenza è che Forza Italia è Berlusconi, il PD invece è composto da varie anime”

  • Voi tornereste a votare senza cambiare la legge elettorale ?

“Non ho paure della legge elttorale, e sono sicuro che il M5s potrebbe ambire anche a quel 40% tanto famoso”.

 

 

 

 

 

Commenti
Caricamento...