Gilet gialli contro Di Maio: “o noi o Salvini”

I Gilet gialli impongono una scelta ben precisa al vicepremier Luigi Di Maio: o Salvini i loro. Impossibile andare d’accordo con chi e alleato di Le Pen.

Nonostante un incontro produttivo a Montargis dove i gilet gialli e Luigi Di Maio hanno scoperto di avere idee in comune al momento è  impensabile un’alleanza  se il ministro del lavoro  prima non si separa da Matteo Salvini:

“Piano con gli entusiasmi: noi dei gilet gialli alleanze con Di Maio non ne facciamo se prima non si separa da Salvini. Con il leader dei 5 Stelle ci siamo visti l’altro giorno a Montargis, abbiamo simpatizzato, abbiamo parlato per due ore, abbiamo scoperto di avere idee in comune ma non basta. Perche’? Perche’ Salvini e’ un uomo di estrema destra. E’ un alleato di Marine Le Pen”.

Ad affermarlo e Christophe Chalencon, portavoce della lista europea “Ralliement d’initiative citoyenne”, uno dei leader dei gilet gialli. Il contatto con Di Maio è stato ottimo, in particolare viene sottolineato come la piattaforma elettorale dei Cinque stelle sia molto piu evoluta:

E’ stato un ottimo contatto. Abbiamo la stessa visione politica. Sia lui che noi vogliamo trasformare l’Europa. Noi appresentiamo la ‘voix du milieu’, la voce del centro. Non stiamo con i molli che si sono rapidamente defilati, ne’ con i duri che cercano lo scontro. Noi, a differenza da Eric Drouet che pure sosteniamo, vogliamo fare politica per cambiare le cose. Abbiamo parlato delle nostre piattaforme elettorali: i 5 Stelle ne hanno una che permette di pre-eleggere i candidati, piu’ evoluta della nostra che si chiama NOos-citoyens. Abbiamo molte cose in comune: sia i 5 Stelle che i gilet gialli escono dal popolo e hanno le stesse rivendicazioni. Ma c’e’ un punto nero che dobbiamo cancellare: Di Maio governa insieme con un partito di estrema destra. Noi vogliamo essere sicuri che si stacchi e vada alle Europee con una lista autonoma”

Gli stessi saranno a Roma settimana prossima per avere garanzie sulla separazione tra M5S e Lega: indispensabile per avviare un serio dialogo tra le parti:

” Ecco perche’ saremo a Roma la settimana prossima: per avere da Di Maio garanzie precise sul fatto che Lega e 5 Stelle vadano ognuna per proprio conto”.