I Sindacati protestano in piazza contro il reddito di cittadinanza

Manifestazione nazionale unitaria #FuturoalLavoro organizzata per oggi da Cgil, Cisl e Uil, a Roma.

Da Piazza del Popolo a Piazza San Giovanni in Laterano. L’appuntamento e’ in piazza della Repubblica da dove il corteo è partito subito dopo le 9 per percorrere via delle Terme di Diocleziano, via Giovanni Amendola, via Cavour, piazza dell’Esquilino, via Liberiana, piazza di Santa Maria Maggiore, via Merulana, viale Manzoni, via Emanuele Filiberto, e arrivare in Piazza San Giovanni in Laterano.

Sul palco, prima dei comizi conclusivi, prenderanno la parola sei tra delegati e delegate per dare voce a tutti i settori e le generazioni del mondo del lavoro: un’infermiera del 118, una pensionata, un rider, un delegato Ilva, una delegata della scuola, un lavoratore edile. Intorno alle 12 prenderanno la parola i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil. Nell’ordine Maurizio Landini, Annamaria Furlan e Carmelo Barbagallo

Tema centrale: La promozione di un documento unitario che contiene le proposte sulla politica economica e sociale. Le tre confederazioni avanzano le loro proposte per chiedere al Governo di aprire un confronto serio e di merito sulle scelte da prendere per il Paese.

Creazione di lavoro di qualita’, investimenti pubblici e privati a partire dalle infrastrutture, politiche fiscali giuste ed eque, rivalutazione delle pensioni, interventi per valorizzare gli assi strategici per la tenuta sociale del Paese, a partire dal welfare, dalla sanita’, dall’istruzione, dalla Pubblica Amministrazione e dal rinnovo dei contratti pubblici, maggiori risorse per i giovani, le donne e il Mezzogiorno.

Alle istanze risponde direttamente Di Maio, che in un’intervista dichiara:

“Il fatto che i sindacati vengano adesso a dirmi che il reddito di cittadinanza è un ibrido tra lotta alla povertà e politiche attive del lavoro per non farlo essere assistenzialismo dopo che per anni mi hanno detto che lo era, mi fa ridere”.