Maurizio Lupi: “Siamo diversi, ma con la Lega si governa bene”

Il cofondatore  parla degli obiettivi a lungo termine di Noi con l'Italia. Rendere i moderati i protagonisti del centrodestra

Maurizio Lupi a tutto campo partendo dal suo nuovo partito Noi con l’Italia fino ad arrivare al rapporto con la Lega, molto distante dalle sue posizioni moderate.

Il nuovo partito Noi con l’Italia rappresenta il progetto di tutti i moderati che rientrati dal “governo di ricostruzione” come lo definisce Lupi, vorrebbero riportare le idee di centro all’interno della compagine berlusconiana, al momento dominata, mediaticamente, da Salvini e la Lega.

Da questo punto di vista  Maurizio Lupi mette in chiaro il percorso prefissato per il progetto:

Moderati non significa pesci lessi. Vogliamo serietà e concretezza. Abbiamo buone possibilità di raggiungere il 3%, siamo radicati sul territorio ed abbiamo riunificato la componente cattolica, liberale e riformista socialista.

Riguardo invece al famoso “veto” posto dalla Lega nei suoi confronti, Lupi mette a tacere le polemiche definendo possibile la convivenza politica con Salvini e i suoi :

Leggi anche:  Di Battista:"Il Presidente della Repubblica non tema questo esecutivo"

Con la Lega governiamo in Lombardia, in Liguria, a Frosinone come a Catanzaro. Siamo diversi, ma bisogna guardare ai punti in comune. Ad esempio sulla Fornero la nostra proposta non è cancellare la soglia dei 67 anni, ma renderla sostenibile. Infine saranno i cittadini a decidere la direzione dell’Asse, se più a destra o più verso il centro.

Maurizio Lupi chiude infine il suo intervento definendo paradossale l’incandidabilità di Berlusconi e descrivendo il leader di FI come un solido punto di riferimento.

Commenti
Caricamento...