Segnala a Zazoom - Blog Directory

Migranti: “Senza Sophia, l’Italia era sola a gestire la crisi”

Migranti, Martina: “Senza Sophia, l’Italia era sola a gestire le crisi”.

Il candidato alla segreteria del Partito democratico, Maurizio Martina è intervenuto ancora una volta sulla questione migranti. Questa volta, Martina ha detto la sua sull’operazione Sophia:

“Fino al 2015 l’Italia era sola a contrastare i trafficanti di esseri umani e ad impedire i naufragi nel Mediterraneo. Dopo la tragedia del 18 aprile 2015, l’Unione Europea ha reagito dando un segnale di unità e di solidarietà verso l’Italia, sostenendo la proposta di Federica Mogherini di creare la prima operazione navale europea nel Mediterraneo, messa in piedi a tempo di record, per smantellare il traffico di esseri umani provenienti dalla Libia”.

Ha poi proseguito:

“L’ operazione Sophia  ha fermato 151 scafisti, neutralizzato 550 imbarcazioni e addestrato 325 guardia-coste libici. È stata una storia di successo, un esempio importante di cooperazione tra Stati europei che ha dimostrato come si possa costruire una vera difesa europea da mettere al servizio della pace, della sicurezza e della stabilità del Mediterraneo. Senza Sophia e senza l’UE, l’Italia tornerebbe a essere sola a gestire le emergenze in mare, lasciando campo libero ai trafficanti di essere umani, e con un rischio molto concreto che le partenze dalla Libia possano riprendere a ritmo serrato già dalle prossime settimane. Piuttosto che minacciare, l’Italia farebbe bene a dialogare con gli altri governi europei per trovare insieme una soluzione che garantisca sicurezza e stabilità nel Mediterraneo e che serva a promuovere una politica europea sull’immigrazione e sull’integrazione che sia seria, umana e sostenibile”.

La sua sembra quindi, una difesa dell’UE e della politica del Partito democratico. Ha concluso dicendo:

“L’unico modo credibile di garantire gli interessi italiani è costruire risposte comuni a livello europeo basate su una vera solidarietà e condivisione di responsabilità da parte di tutti i paesi, a partire da quelli che si proclamano i migliori alleati del Mondo, ministro Salvini, e che però poi da mesi si oppongono sistematicamente a qualsiasi passo in avanti in materia di politiche migratorie e per l’accoglienza dei rifugiati”.