Segnala a Zazoom - Blog Directory

A Milano cancellata “Bella Ciao”, al suo posto “Duce a noi”

Preoccupante l’episodio avvenuto un paio di giorni fa a Milano. Murale “Bella ciao” imbrattato con le parole esortanti al fascismo: “Duce a noi”.

Si spera sempre che il passato possa insegnare qualcosa all’umanità, soprattutto quando si tratta di ricordare come migliaia di ebrei innocenti siano morti durante la Seconda Guerra Mondiale. Si vuol credere che magari, ricordando quel martirio, ci si allontani sempre più da ideologie come il fascismo o più in generale, il razzismo.

Emblematico è l’episodio accaduto qualche giorno fa in zona Ortica a Milano, ai lati del cavalcavia Buccari, che ha suscitato la preoccupazione di tutta la cittadina. La scritta del murale “Bella ciao” frutto del primo laboratorio di arte partecipata coordinato da “Orticanoodles” con gli studenti del liceo artistico di via Venini, è stata ricoperta da quella “Duce a noi”. 

Parole che prima richiamavano la libertà e l’integrazione raggiunta alla fine della Guerra, sono state sostituite con altre che sembrino essere mirate al comunicare un messaggio ben preciso, che si sperava svanito negli anni. La frase si presenta con sfondo nero e lettere bianche, richiamando i colori di quei tempi.

Pietro Bussolati, il segretario cittadino del Pd, ha definito gli autori del gesto “beceri e vigliacchi”, per poi aggiungere:

“Saremo tantissimi il prossimo sabato 9 dicembre a Como, per ricordarvi, fascisti, che la memoria non si cancella e che noi, ancorati ai valori di libertà e democrazia, saremo sempre più forti di voi”.