Segnala a Zazoom - Blog Directory

Bufera mediatica sulla pubblicità Pandora: “Le scritte sono sessiste”

A quanto pare, l’ultima pubblicità della Pandora non è proprio piaciuto. Tra commenti d’indignazione e risposte del brand, ecco cosa sta succedendo sul web.

“Un ferro da stiro, un pigiama, un grembiule, un bracciale Pandora. Secondo te cosa la farebbe felice?”

Poche e semplici parole che però, hanno permesso quest’anno di trasformare la Pandora in un vero e proprio Pandoro, nel senso che il noto brand di gioielli sembra essersi tirato addosso il panettone. E che non si dica ancora che i napoletani non abbiano fantasia visto che, il termine “panettone” in vista delle feste natalizie, tende ad assumere il significato scherzoso di “pacco”. Dunque, per dirla alla partenopea:

La Pandora se fatt o’pacc sul ess”

(“Si è rovinata con le sue stesse mani”).

Con la speranza che questa pubblicità attirasse positivamente i compratori ad acquistare un gioiello del brand da mettere sotto l’albero, la Pandora ha fatto un enorme buco nell’acqua visto che ha suscitato un feedback completamente opposto. Numerosissimi sono i commenti d’indignazione impazzati sul web in risposta a questo advertising considerato troppo sessista. Questi sono solo alcuni dei commenti presenti sui social network in merito alla faccenda:

“Se per voi le donne sono solo ferri da stiro e gioielli, sappiate che non è così. Aggiornatevi. Siete insultanti e mediocri”.
“Avete fatto una pubblicità che descrive una donna che anche negli anni 50 sarebbe stata anacronistica”.
“Il messaggio mi sembra sessista e da Medioevo”.

E ancora, ecco il commento di “Non una di meno”, movimento femminista:

“Di pubblicità sessiste purtroppo ne vediamo a bizzeffe ma stavolta Pandora si è superata mettendo insieme diversi stereotipi che questa società maschilista e patriarcale attribuisce alle donne. Ci sono il ferro da stiro, il pigiama e il grembiule; oggetti destinati ad una schiava del lavoro domestico che deve passare il suo tempo libero tra le mura di casa! Per quanto riguarda il bracciale poi, che se volessimo realmente saremmo in grado di comprarcelo da sole, tenetelo pure e fateci un vero regalo… Il rispetto”.

A poco sono servite le prime repliche del brand che, anzi, sembrano aver alimentato ancora di più la rabbia nei confronti della Pandora. Ma ancora una volta, la nota marca di gioielli ha voluto replicare all’altra valanga di commenti e messaggi scritti in relazione ai post precedenti:

“Ciao a tutte, abbiamo continuato a leggere i vostri commenti relativi alla campagna di affissione nella metropolitana di Milano e ci teniamo a condividere con voi il nostro punto di vista. La nostra intenzione era quella di strizzare l’occhio ad alcuni stereotipi che tutte noi conosciamo in maniera ironica e giocosa, assolutamente non offensiva, con il desiderio di regalarvi un sorriso. In realtà abbiamo visto che estrapolati dal loro contesto alcuni passaggi di questa comunicazione hanno generato interpretazioni opposte al nostro intento, quindi ci scusiamo con tutte coloro che si sono sentite toccate nella loro sensibilità”.