“PERT Vita e miracoli del partigiano Sandro Pertini” al TAV di Frattamaggiore

Domenica 7 aprile alle ore 18.00, al teatro TAV presso il centro Il Cantiere di Frattamaggiore, andrà in scena lo spettacolo PERT Vita e miracoli del partigiano Sandro Pertini. Lo spettacolo è scritto ed interpretato da Aldo Rapè, attore e regista siciliano, che ha recentemente raccolto il testimone di Moni Ovadia alla direzione artistica del teatro Regina Margherita di Caltanissetta.

Lo spettacolo, patrocinato da Ministero della Giustizia, ANPI e Fondazione Sandro Pertini è un viaggio negli anni caotici e cruenti della Resistenza attraverso il partigiano ligure che un giorno diverrà Presidente. Un racconto di un uomo di esempio, in un’epoca dove sono rimasti solo uomini di parole e dove la libertà di parola è divenuta parola in libertà. In un momento di frammentazione politica e culturale, la storia di un uomo quotidianamente straordinario.

“Un modo per imparare ad essere sempre partigiani” dichiara Rapè “Partigiani nel significato più bello che questa parola può assumere. Il partigiano come uomo di parte, che lungi dall’essere fazioso, professa con coerenza il proprio credo personale, si assume la responsabilità delle proprie scelte, prende posizione e non resta nella vaghezza, sa riconoscere il bene dal male, non si lascia compare da nessuno. Partigiano come visionario del futuro e non come utilizzatore del presente”.

Non è un caso che un siciliano come Aldo Rapè abbia scelto di portare in scena la storia di Pert, nome di battaglia di Pertini. Perché la storia di Pert va di pari passo con quella di Salvatore Cacciatore (nome di battaglia Ciro),  giovane siciliano di Caltanissetta, che proprio come il ligure Pertini rappresenta quella gioventù che in massa, da nord a sud, si animò gli anni della resistenza, nel sogno di un’Italia sgombra dall’invasore. Una storia d’amore, l’amore per la libertà che mosse una generazione di giovani con la schiena dritta a ribellarsi al nazifascismo.

E sarà proprio il compagno di battaglia Ciro a raccontare questa storia d’amore, avvalendosi dell’aiuto di alcuni amici fondamentali: Musso, Sogno e Carla, i suoi “picciotti“, magnifiche marionette di cartapesta, che ricordano i pupi della tradizione siciliana. In questo modo il monologo di Rapé si arricchisce divenendo una corale dalle molte voci, con una prova attoriale magnetica e sinceramente sentita del siciliano che ripercorre tutte le tappe fondamentali della vita di Pertini.

Lo spettacolo andrà in scena in data unica, ed è necessaria la prenotazione al numero 334 8264497.

Per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito  www.piazzettadurante.it/tav o la pagina Facebook  TAV Teatro