Segnala a Zazoom - Blog Directory

Scafati. 800mila euro per la pista ciclabile fantasma

Adinolfi: “Accerteremo le responsabilità e puniremo i furbetti che hanno lucrato”

È necessario vigilare attentamente sull’operato dell’amministrazione di Scafati. Posso assicurare che, anche grazie alla collaborazione del meet up locale, faremo luce sull’utilizzo dei fondi europei, che non possono essere sperperati.

Con queste parole l’europarlamentare M5S, Isabella Adinolfi, ha commentato la sua interrogazione alla Commissione Europea, relativa alla realizzazione di una pista ciclabile nel comune di Scafati, che ha ricevuto centinaia di migliaia di euro da parte della Comunità Europea.

“A seguito della partecipazione del comune di Scafati al bando pubblico regionale per “la diffusione di azioni finalizzate al miglioramento della qualità dell’aria nelle aree metropolitane” – scrive l’europarlamentare – è stato predisposto il progetto preliminare per la realizzazione della pista ciclabile del Sarno, tratto RFI – San Pietro, per il quale è stato successivamente previsto lo stanziamento complessivo di circa 794.000 euro”

“Ma le cose non sono andate come ci si aspettava – sottolinea Adinolfi. La pista ciclabile, che è stata inaugurata nel 2012, non è mai stata usufruibile da parte della cittadinanza e versa attualmente in un totale stato di abbandono. Il percorso ciclopedonale risulta chiuso per la rilevazione di tratti non conformi alle specifiche tecniche e a tutela della pubblica incolumità”.

È inammissibile che venga speso tutto questo denaro pubblico senza che la comunità locale ne abbia tratto alcun giovamento. Continuerò a seguire la vicenda per accertare la presenza di furbetti che hanno lucrato sugli interessi comuni, determinando anche un danno tangibile per l’intera area.