Segnala a Zazoom - Blog Directory

Un’indiscrezione rivela la data in cui ci saranno le elezioni

Elezioni, questo il tema principe della politica italiana. Sembra oramai tramontata l’ipotesi di votare il 4 marzo, ma gli Italiani potrebbero essere chiamati alle urne un po’ più tardi.

Secondo alcune indiscrezioni, tra due settimane, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella potrebbe sciogliere le Camere. Adesso infatti le pressioni sul voto arrivano da tutti gli schieramenti. Tutti adesso vogliono andare al voto: Renzi, Salvini e Grillo… tentenna solo Berlusconi che è incandidabile.

Stavolta a ricordarglielo arriva la stoccata proprio di un suo alleato, Matteo Salvini che da sempre insiste per le votazioni anticipate:

“Il diritto al voto di 60 milioni di italiani e di 5 milioni di italiani all’estero prescinde da questo o da quel candidato. Prima si vota meglio è, così passeremo una Pasqua di liberazione. Perché proprio Silvio Berlusconi può essere il leader che ha più da perdere nel voto a primavera, non tanto sul numero di voti, oramai il suo ritorno in campo fa registrare una crescita costante di Forza Italia, quanto sulla sua possibilità di candidarsi, in attesa di una sentenza da Strasburgo che ponga fine a questa sua agonia”.

Sulla stessa linea il partito di Beppe Grillo, che le  ha sempre chieste a gran voce e che ora, attraverso Luigi Di Maio fa sapere che:

“Il Movimento 5 Stelle è l’unica forza politica che da sola raggiunge adesso la soglia del 30%. Il nostro obbiettivo alla fine del #Rally è di superare abbondantemente questa percentuale, ma già dai numeri odierni si capisce che l’unico governo possibile è quello del Movimento 5 Stelle”. 

Anche sulla base ciò dal Transatlantico trapela una data, non più il 4 marzo, bensì il 18 dello stesso mese.